• Slide 0

    PHD

    Political Science, European Politics and International Relations

Coordinatore Prof. Maurizio Cotta, Università degli Studi di Siena
Mail:  maurizio.cotta@unisi.it
Vice-coordinatore Prof. Francesco Strazzari
Mail:  f.strazzari@sssup.it
Informazioni Tel:  050 883170
Mail:  phddirpolis@sssup.it

Il programma di dottorato in Political Science, European Politics and International Relations (PEI) nasce da una iniziativa che integra le offerte di formazione dottorale della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, l’Università di Siena, l’Università di Firenze e l’Università di Pisa, istituzioni caratterizzate da un alto livello qualitativo negli ambiti disciplinari della scienza politica e delle relazioni internazionali. Per il 32° ciclo, con inizio dall’a.a. 2016-2017, il dottorato PEI ha ricevuto 5 borse “Pegaso” tramite co-finanziamento della Regione Toscana.

Il programma intende fornire ai propri dottorandi una conoscenza politologica avanzata, supportata da approfondimenti sugli aspetti metodologici ed una preparazione sulle tecniche sia qualitative che quantitative di raccolta ed analisi dei dati di ricerca.

L’offerta didattica viene coordinata dalle quattro istituzioni e sviluppata in modo da valorizzare le specializzazioni e complementarietà del corpo docente, inserendo le attività in una prospettiva inter- e multi- disciplinare.

Attraverso il loro inserimento in comunità accademiche internazionalizzate e dinamiche, i dottorandi potranno completare la loro formazione frequentando corsi e seminari organizzati nel quadro degli altri programmi dottorali delle quattro istituzioni.

La maggior parte delle attività di formazione si svolgerà nelle sedi di Pisa e Siena, due città custodi di un prezioso patrimonio artistico e culturale e al tempo stesso animate da una vivace vita universitaria. La vicinanza con gli aeroporti di Firenze e Pisa agevola inoltre la connessione con le più importanti città europee e non.

I corsi, le attività seminariali e le attività di ricerca promosse e svolte all’interno del Corso si inseriscono in tre principali ambiti disciplinari: “Politica Comparata”, “Politica Europea” e “Relazioni Internazionali”; questi si snoderanno attraverso un filo conduttore tematico rivolto allo studio dei fenomeni di cambiamento politico che interessano i Paesi europei ed extra-europei, e delle nuove forme con cui si organizzano le istituzioni e gli attori politici per rispondere al mutamento sociale ed economico.

Questi temi possono essere inclusi in quattro grandi aree di ricerca:

a) le sfide alla democrazia poste dai processi di globalizzazione e di crisi economica che collocano fuori dei confini nazionali molte delle scelte fondamentali in termini di politiche pubbliche;

b) le nuove forme di governance multilivello connesse all’emergere di sistemi di governo sovranazionale a forte legittimazione tecnocratica, ma a bassa legittimazione democratica, che vincolano sempre di più i sistemi politici nazionali (in modo ancora più accentuato quelli europei);

c) la crisi delle forme tradizionali di democrazia e l’emergere di forme di democrazia “post-partitica” (democrazia deliberativa, democrazia diretta, ecc.);

d) le pratiche di sovranità statale: sfide e risposte; le nuove dinamiche e assetti internazionali e regionali negli studi di conflitto e sicurezza.

Il programma di dottorato si pone quindi l’obiettivo di promuovere ricerca avanzata su aspetti cruciali che innovano gli scenari politici a livello nazionale, regionale ed internazionale.

Il corso ha una durata complessiva di tre anni e prevede il rilascio di un titolo congiunto da parte dei quattro Atenei.

Il settore scientifico disciplinare di riferimento è: SPS/04 Scienza Politica.


Attività

Durante il primo anno, gli studenti svilupperanno competenze metodologiche ed abilità specifiche di ricerca attraverso un’offerta didattica di vario format (corsi, seminari, workshop). L’offerta didattica del secondo anno, invece, sarà piuttosto orientata all’approfondimento di contenuti sia di orizzonte politologico più generale che legati allo specifico campo di ricerca che informa i diversi progetti di dottorato. Parte integrante del secondo anno è altresì il periodo di ricerca da svolgersi presso istituzioni straniere. Il terzo anno è completamente dedicato alla stesura della tesi e alla finalizzazione di un manoscritto consolidato da sottoporre alla commissione di esame.

Una volta completata l’iniziale attività di formazione, gli studenti sceglieranno, sulla base del proprio progetto di ricerca, la destinazione del proprio periodo all’estero e se trascorrere la parte finale del proprio dottorato a Pisa o Siena. Durante i tre anni, gli studenti saranno chiamati a presentare regolarmente lo stato di avanzamento del proprio lavoro in occasione di appositi cicli seminariali. Fin dall’inizio del programma, a ogni dottorando verrà assegnato un tutor, che potrà in seguito essere scelto come supervisor di tesi.