LO SVILUPPO, OLTRE L’AUSTERITA’: MERCOLEDI’ 24 MAGGIO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI IL CONVEGNO “LO STATO INNOVATORE” CON LA PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL PROGETTO “ISI GROWTH” COORDINATO DALL’ISTITUTO DI ECONOMIA

“Lo Stato innovatore” è il titolo del convegno promosso dalla vice Presidenza della Camera dei Deputati per mercoledì 24 maggio, con inizio alle ore 15.30 presso l’aula magna del palazzo dei gruppi parlamentari a Roma, che vede come relatori principali Giovanni Dosi, direttore dell’Istituto di Economia della Scuola Superiore Sant’Anna, e Mariana Mazzucato, economista della UCL (University College London) e autrice del saggio che dà il titolo al convegno. Durante la giornata di studio saranno presentanti anche i risultati del progetto ISIGrowth, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma quadro Horizon 2020 e coordinato dallo stesso Giovanni Dosi per definire forme di sviluppo economico, sostenibile e inclusivo

“La cosa importante per un governo non è fare le cose fatte dai privati, un po’ meglio oppure un po’ peggio, bensì fare le cose che al momento nessuno fa” è la citazione di John Maynard Keynes scelta per presentare il convegno, a cui hanno confermato la partecipazione docenti universitari, come Andrea Roventini dell’Istituto di Economia della Scuola Superiore Sant’Anna, rappresentanti di partiti politici e delle istituzioni. La sessione di apertura vedrà i saluti di Luigi di Maio, vice Presidente della Camera dei Deputati, e di Laura Castelli, Commissione Bilancio della Camera dei Deputati. L’intervento di Giovanni Dosi sarà intitolato “Oltre l’austerità e la flessibilità del lavoro: le politiche di rilancio macroeconomico”, quello di Mariana Mazzuccato “Lo Stato innovatore e le politiche industriali ‘mission oriented’ ”.

Negli ultimi anni ipotesi economiche sbagliate, sottolineano i promotori, hanno supportato politiche di austerity che si sono rivelate a loro volta dannose per le popolazioni dei Paesi europei, peggiorando la crisi economica e allontanando la ripresa. L’economia pubblica di investimento in Italia ha mancato del tutto l'implementazione di politiche industriali cosiddette “mission oriented”, puntando invece la maggioranza delle esigue risorse per lo più su incentivi a pioggia alle imprese.

Tale approccio non ha comportato alcun ritorno dell’investimento effettuato né in termini economici, né di innovazione e né di benessere per la popolazione. Ma lo Stato può fare di più e meglio. A differenza dei privati, lo Stato dispone delle risorse, del tempo e della visione d’insieme per affrontare il rischio di investire in tecnologie ancora inesplorate. Dunque può e deve assumere un ruolo di “Stato innovatore”, come ricordano il saggio di Mariana Mazzucato e che dà il titolo al convegno, nella società, guidando e coadiuvando l’azione dei privati nella scoperta, nello sviluppo e nella commercializzazione delle nuove tecnologie.

Per partecipare è necessario accreditarsi al form disponibile qui. Le richieste di accredito saranno accettate fino a esaurimento dei posti. L’aula magna del palazzo dei gruppi parlamentari si trova in via di Campo Marzio 78 a Roma. Per accedere è obbligatorio presentarsi con un documento di riconoscimento; per i signori è obbligatorio indossare la giacca.

L’agenda dei lavori è disponibile in allegato.

Programma convegno
05.05.2017

Leggi anche:

VINI ITALIANI E MERCATI MONDIALI: FINO AL 10 OTTOBRE LE ISCRIZIONI ALLA TERZA EDIZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO CHE FORMA GLI “AMBASCIATORI” DELLE NOSTRE PRODUZIONI VITIVINICOLE NEL MONDO

Formare una nuova figura professionale per aumentare la conoscenza dei vini italiani all’estero, nei paesi dove la loro diffusione è...

GRAN PREMIO DELLE IDEE INNOVATIVE TOSCANE, INIZIA LA START CUP 2017: FINO AL 2 OTTOBRE LE ADESIONI INVIANDO UN BUSINESS PLAN

La Start Cup Toscana 2017 premia nuovi imprenditori e li supporta nel trasformare in impresala loro idea ad alto contenuto di tecnologia. Per...

Robotica, a Pisa dal 7 al 13 settembre la prima edizione del festival internazionale: così le nuove tecnologie dell’automazione si mettono al servizio dell’uomo per curarlo, aiutarlo a vivere e a lavorare meglio

La robotica al servizio dell’uomo: per liberarlo dalle incombenze più faticose, intervenire con estrema precisione e affidabilità sul corpo...