Nutraceutica: allo shop della Scuola Sant’Anna il nuovo formato della “Toscolata”, la “cioccolata” che può contribuire a ridurre i fattori di rischio di alcune malattie cardiovascolari

Dalla ricerca arriva un prodotto innovativo che può contribuire a ridurre i fattori di rischio responsabili di alcune malattie cardiovascolari: è la “Toscolata”, la “cioccolata” messa a punto nell’ambito dell’omonimo progetto di ricerca, finanziato dalla Regione Toscana e condotto dall’Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree del Consiglio nazionale delle ricerche (Ivalsa-Cnr), Dipartimento di Patologia Chirurgica, Medica, Molecolare e dell’Area Critica dell’Università di PisaIstituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’AnnaDipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Siena.

La ‘Toscolata’ è ora disponibile in un nuovo cofanetto, con tavolette da 40 grammi ciascuna. La nuova confezione è disponibile per l’acquisto a Pisa, presso il “Sant’Anna Shop”, il negozio dove trovare in esclusiva i gadget ufficiali della Scuola Superiore, e nei punti vendita di Vestri Cioccolato, azienda che produce e confeziona la ‘Toscolata’ nello stabilimento di Arezzo.

La ricetta di questo prodotto così innovativo è stata sviluppata da un gruppo interdisciplinare di ricercatori: Claudio Cantini, Ivalsa-Cnr; Rossella di Stefano, Dipartimento di Patologia Chirurgica, Medica, Molecolare e dell’Area Critica dell’Università di Pisa; Luca Sebastiani, Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna; Marco Romi, Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Siena. Per il cacao, è stato previsto esclusivamente l’utilizzo di varietà pregiate, provenienti dalle piantagioni della Repubblica Dominicana e scelte per la loro capacità di amalgamarsi agli altri ingredienti, tutti di origine toscana. Al cioccolato fondente di alta qualità così ottenuto vengono infatti aggiunti prodotti vegetali noti per le proprietà antiossidanti come le mele essiccate di varietà autoctone del Casentino e l’olio extravergine di oliva di alta qualità, prodotto con la supervisione dell’azienda sperimentale Santa Paolina dell’Ivalsa-Cnr a Follonica (Grosseto).

Grazie agli elevati contenuti di molecole bioattive e alle pregevoli qualità organolettiche, la ‘Toscolata’ ha dimostrato le proprie qualità organolettiche e salutari. Il progetto di ricerca non ha condotto soltanto alla creazione di un alimento gustoso, che valorizza eccellenze agroalimentari della Toscana, ma ha permesso anche di mettere a punto un prodotto che può ridurre gli effetti di alcuni fattori di rischio responsabili delle malattie cardiovascolari, come hanno dimostrato gli studi condotti su gruppi di volontari.

Il ‘Sant’Anna Shop’ è aperto tutti i giorni feriali dalle 11.00 alle 15.00 presso la sede centrale della Scuola Superiore Sant’Anna, in piazza Martiri della Libertà 33 a Pisa.

Leggi anche:

Robot mobile per disinfezione sviluppato in progetto “Samaritan”, sostenuto da Fondazione Marmo di Carrara, realizzato grazie a Fondazione filantropica “Il Talento all’Opera”, nata su iniziativa del Sant’Anna di Pisa

La disinfezione di ambienti e superfici è stata indicata come una delle azioni più efficaci per limitare la circolazione e la persistenza del...

Oltre il Covid-19, ricerca e didattica in sicurezza al Sant’Anna: dalla gestione durante il lockdown ai 500 test sierologici effettuati alla Fondazione Monasterio grazie al finanziamento della Regione Toscana

Circa 500 test sierologici effettuati, una positività anticorpale del 3 per cento e nessuna infezione attiva verificata attraverso il tampone...