Pronti la squadra dei delegati e il nuovo direttore generale per supportare la rettrice Sabina Nuti nel raggiungere gli obiettivi del programma di mandato approvato dal Senato Accademico

La rettrice Sabina Nuti ha scelto i delegati che la affiancheranno nel governo della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, per supportarla nel raggiungere gli obiettivi di mandato definiti dal Piano di orientamento strategico, risultato di un articolato lavoro di ascolto, riflessione, condivisione iniziato a giugno 2019 – circa un mese dopo la sua elezione – e terminato con l’approvazione in Senato Accademico a ottobre 2019.

I nomi dei delegati sono stati comunicati nella riunione del Senato Accademico del 13 novembre 2019. La squadra, composta da tre uomini e tre donne, spesso affiancata da team di supporto con rappresentanti in ciascuno dei sei Istituti, è la seguente.

Il Consiglio di Amministrazione della Federazione Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant’Anna e Scuola IUSS Pavia nella riunione del 26 novembre 2019 ha anche nominato il nuovo direttore generale della Scuola Superiore Sant’Anna che inizierà a svolgere il suo ruolo nei primi mesi del 2020. Si tratta di Alessia Macchia, laureata in economia con un ricco curriculum professionale, sia nel contesto privato sia in quello pubblico, già direttore amministrativo della Asl di Lucca e della Scuola IMT Alti Studi Lucca. Sostituirà Luca Bardi che, dopo sette anni in carica alla Scuola Superiore Sant’Anna, lascia per andare a ricoprire un incarico al Politecnico di Milano.

“Con la designazione dei delegati, in parte confermati e in parte di nuova nomina e con la collaborazione della dott.ssa Alessia Macchia – commenta la rettrice Sabina Nuti - la Scuola Superiore Sant’Anna si impegnerà ancora di più nel perseguimento della propria missione, quella di essere una istituzione pubblica di riferimento e di qualità, dove il talento è valorizzato e messo in campo per prendersi cura del mondo e per contribuire, con responsabilità, alla sua crescita culturale e alla sua sostenibilità”.

“Il merito, basato su competenze di qualità e impegno, rappresenta – prosegue Sabina Nuti - il vero motore di sviluppo, il meccanismo principe della mobilità sociale, la risorsa da mettere in campo per cogliere le sfide di sostenibilità e di equità che il mondo affronta. Tematiche strategiche come il cambiamento climatico, la sostenibilità ambientale, l’equità e l’inclusione sociale, le nuove modalità di relazioni internazionali, la salute con le tecnologie essa connesse, i big data e l’impatto sui sistemi economici e sulle tecnologie, sono ambiti in cui la Scuola Superiore Sant’Anna vuole investire nei prossimi sei anni il suo talento, a tutti i livelli e in tutte le sue componenti, lasciando il segno e facendo la differenza per le future generazioni. Infine, desidero rivolgere un grazie particolare al dottor Luca Bardi che, con grande professionalità e competenza, ha supportato la Scuola Superiore Sant’Anna nel suo cammino di crescita”.

“Il passaggio della dott.ssa Alessia Macchia alla direzione generale della Scuola Superiore Sant’Anna, in continuità con la rilevante opera organizzativa svolta alla Scuola IMT Alti Studi, è elemento di sviluppo del rapporto di collaborazione e di condivisione tra le due Scuole”, dichiara Pietro Pietrini, direttore della Scuola IMT Alti Studi Lucca.

Lucca e Pisa, Scuola IMT Alti Studi e Scuola Superiore Sant’Anna sono dunque sempre più vicine, unite da un rapporto di collaborazione, comunanza di visione e prospettive, intenti e azioni concrete, che oggi si rafforza e si rinnova anche grazie a un “passaggio di testimone” significativo: il direttore amministrativo della Scuola IMT Alti Studi, Alessia Macchia, dai primi mesi del 2020 diventerà direttore generale della Scuola Superiore Sant’Anna.

La comunione della scelta si sostanzia nella voce dei rettori delle due Scuole. “Il passaggio della dott.ssa Alessia Macchia alla direzione generale della Scuola Superiore Sant’Anna, in continuità con la rilevante opera organizzativa svolta alla Scuola IMT Alti Studi negli ultimi anni, è elemento di sviluppo della relazione di collaborazione e condivisione tra le due Scuole”, dichiarano in maniera congiunta Pietro Pietrini e Sabina Nuti.

Leggi anche:

Ripensare le leggi sul copyright digitale, il Sant’Anna capofila di progetto "ReCreating Europe". 3 mln di euro e 10 Università per misurare il suo impatto su creatività, diversità culturale, accesso a conoscenza

Tre milioni di euro, trentasei mesi, dieci Università, otto Paesi europei, oltre 25 docenti e ricercatori sono i numeri dell’ambizioso progetto...

Il cambiamento climatico colpisce le banche e pesa per il 20 % sulla mancata crescita: su Nature Climate Change lo studio di team internazionale, con ricercatori dell’Istituto di Economia del Sant’Anna

Il nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change evidenzia come i danni dei cambiamenti climatici possano avere un effetto...