Robotica avanzata e tecnologie abilitanti: in dirittura d’arrivo il partenariato pubblico-privato per la costituzione del Centro di Competenza ARTES 4.0 promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna

Si chiama ARTES 4.0 ed è l‘acronimo di Advanced Robotics and enabling digital Technologies & Systems 4.0. Ovvero un Centro di Competenza ad alta specializzazione che unisce le eccellenze pubbliche e private del nostro territorio e si occupa di progetti di ricerca applicata, di trasferimento tecnologico e di formazione sulla robotica avanzata e sulle tecnologie abilitanti.
È ormai in dirittura d’arrivo il progetto promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna in collaborazione con università, enti di ricerca, istituzioni e associazioni di categoria che punta a creare un partenariato pubblico-privato in grado di aderire e favorire un nuovo sviluppo tecnologico sulla scia del Piano nazionale Industria 4.0. Oltre duecento aziende e soggetti a partecipazione privata hanno fatto richiesta di far parte del Centro di Competenza, che si prefigge di diventare uno dei più grandi hub di trasferimento hi-tech in Italia.

“Un risultato estremamente significativo”, afferma Paolo Dario, professore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e coordinatore della proposta, “che testimonia il grande interesse delle aziende ad essere parte attiva nei nuovi processi di trasferimento tecnologico.”

La scelta del partenariato pubblico-privato di ARTES 4.0 si basa su un approccio inclusivo ma selettivo. Oltre alla Scuola Superiore Sant’Anna, le altre università e dipartimenti di eccellenza che vi hanno aderito sono: Scuola Normale Superiore, Università di Pisa, Università di Firenze, Università di Siena, Scuola IMT Alti Studi di Lucca, LENS (European Laboratory for Non-Linear Spectroscopy), Università Politecnica delle Marche, Università Campus Bio-Medico di Roma, Università di Sassari, Università degli Studi di Perugia, e le reti territoriali del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche)IIT (Istituto Italiano di Tecnologia), INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) e INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica).

“La sfida di ARTES 4.0 – prosegue Dario – è colmare non solo il gap tra ricerca e tessuto imprenditoriale, ma anche per creare un ponte reale tra imprese fornitrici di servizi qualificati e tecnologie avanzate, e imprese beneficiarie di soluzioni innovative adatte a soddisfare le sempre maggiori esigenze di competitività provenienti dai mercati globali”.

Leggi anche:

Le olimpiadi degli eccellenti: da giovedì 25 a sabato 27 luglio Pisa ospita le “XCool”, 300 allievi di Scuole universitarie superiori e Istituti universitari superiori pronti alla sfida in oltre 10 discipline agonistiche

Lo studio, certo, ma anche le attività sportive sono un contributo fondamentale per la crescita personale: da giovedì 25 a sabato 27 luglio Pisa...

50 ANNI DOPO APOLLO 11: ABITARE SULLA LUNA IN MODULI REALIZZATI DA STAMPANTE IN 3D CON REGOLITE, SABBIA LUNARE. RICERCA DELLA SCUOLA SANT’ANNA APRE SCENARI PER LA COSTRUZIONE DI INSEDIAMENTI UMANI NELLO SPAZIO

Negli ultimi anni l’interesse per il tema della costruzione di insediamenti umani sulla luna è cresciuto enormemente: sulla luna si potrebbero...