START CUP TOSCANA 2021, SECONDO E TERZO POSTO PER AIDEVICES E MINILYSIS, DUE PROGETTI DI IMPRESA NATI ALL’INTERNO DELL’ISTITUTO DI BIOROBOTICA DELLA SCUOLA SANT’ANNA

Si è svolta alla Scuola Normale di Pisa la competizione Start Cup Toscana 2021, che ha decretato i quattro progetti di impresa, nati nei laboratori delle università toscane, che parteciperanno all’edizione 2021 di PNI, “Premio Nazionale per l’Innovazione”, il 30 novembre e 3 dicembre all’Università Torvergata di Roma.
A vincere è stato il progetto P.I.S.A Biotech, della Scuola Normale, illustrato da Gabriele Ugolini, un innovativo metodo basato sulla tecnologia brevettata PISA, acronimo di Post-translational Intracellular Silencing Antibodies, per colpire nuovi bersagli terapeutici. Il secondo posto è andato ad AIDevices, presentato da Marcello Chiurazzi post-doc dell'Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, per lo sviluppo di un dispositivo indossabile, non invasivo, che ha l’obiettivo di sostituire la valutazione soggettiva del paziente con dati oggettivi forniti al medico. Chiurazzi ha sviluppato il suo progetto assieme al prof. Gastone Ciuti, responsabile scientifico Laboratorio Computer-Integrated Technologies for Robotic Surgery. Il terzo posto se lo è aggiudicato Minilysis della Scuola Sant’Anna: Giorgio Pitruzzello e il ricercatore Giuseppe Tortora hanno introdotto l’idea di un dispositivo che permettere un monitoraggio in tempo reale delle condizioni di qualità di sangue ed emoderivati durante lo stoccaggio e il trasporto tra strutture ospedaliere.

Questi primi tre progetti hanno ricevuto 3 premi (rispettivamente di cinque, tre e due mila euro) sponsorizzati dalla Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, il progetto regionale per l’autonomia dei giovani. Menzione speciale, e dunque quarto progetto a partecipare a PNI, a PowerEmp, presentato da Libero Paolucci dell’Università di Firenze, per la realizzazione di sistemi di monitoraggio e diagnosi sulle reti elettriche al fine di rilevare e prevenire guasti ed anomalie.


Due ulteriori premi, del valore economico di 1.500 euro e 500 euro rispettivamente, per la migliore proposta in termini di innovazione - uno sponsorizzato dallo Studio De Gaspari Osgnach Intellectual Property e uno dallo Studio Rubino - sono andati a Florence Robotics dell’Università degli studi di Firenze e ad (en)light, della Scuola Normale Superiore. Le altre proposte in gara quest’oggi erano, per l’Università di Pisa, M4M Analysis (organizzazione dei processi produttivi), e LombriCOMPOSTiera (bioeconomia); Accelerat - Simplifying Complexity (software) della Scuola Sant’Anna, UCMe BioScience s.r.l. (biotecnologico), dell’Università di Siena.

La giuria di Start Cup Toscana 2021 era composta da Emilio Paolo Vasciminno (Intesa Sanpaolo), Francesca Serra (Euroteam progetti), Silvia Zonnedda (Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze), Vittorio Pellegrini (BeDimensional S.p.a.) e dal consulente finanziario Tiziano Cetarini.

Start Cup Toscana è organizzata da Università di Firenze, Università di Pisa, Università di Siena, Scuola Superiore Sant’Anna, Scuola IMT Alti Studi Lucca, Università per Stranieri di Siena e Scuola Normale, sponsorizzata e patrocinata dalla Regione nell’ambito del programma Giovanisì.

Hanno partecipato alla giornata, per la Scuola Nomale, il Direttore Luigi Ambrosio, i professori Fabio Beltram e Chiara Cappelli; per la Regione Toscana, Alessandra Nardini, Assessora all’Istruzione, formazione professionale, università e ricerca e i professori Marco Paggi (Scuola IMT Alti Studi Lucca), Marco Pierini (Università degli studi di Firenze), Lorenzo Zanni (Università di Siena), Paolo Dario (Scuola Superiore Sant’Anna), Marco Raugi (Università di Pisa).