Trasparenza degli algoritmi nel nuovo Regolamento Privacy: su Oxford Journal grande risonanza di una ricerca condotta dai giuristi della Scuola Sant’Anna

Risale a dicembre 2017 la pubblicazione sull’Oxford Journal “International Data Privacy Law” dell’articolo di Gianclaudio Malgieri (dottorando presso la Free University of Brussels e ricercatore affiliato alla Scuola Superiore Sant’Anna) e Giovanni Comandé (Ordinario di Diritto Privato Comparato alla Scuola Superiore Sant’Anna) sulla trasparenza e comprensibilità degli algoritmi di profilazione, alla luce del nuovo Regolamento Privacy (“General Data Protection Regulation”), intitolato: “Why a Right to Legibility of Automated Decision-Making Exists in the General Data Protection Regulation”, qui disponibile in open access. Da allora l’articolo, che risulta già citato da ricercatori di Oxford, Yale e Harvard, risulta il terzo articolo più letto nella storia del giornale, con oltre 2100 visualizzazioni.

La ricerca, peraltro, è destinata ad assumere ancora più risalto sull’onda lunga della vicenda che ha coinvolto Facebook e Cambridge Analytica e che ha riguardato proprio la profilazione a fini manipolativi degli utenti della nota piattaforma digitale. L’articolo, infatti, si colloca nell’acceso dibattito sull’esistenza o meno nel nuovo Regolamento Privacy di un diritto alla comprensibilità e alla spiegazione sui trattamenti decisionali automatizzati compiuti sui dati personali delle persone fisiche.

In particolare l’articolo si sofferma sul nuovo diritto all’accesso ai dati personali, compreso il diritto a conoscere informazioni significative sulla logica, l’importanza e le conseguenze dell’algoritmo impiegato in una decisione automatizzata con rilevanti effetti sull’individuo. Esso propone un test di “leggibilità” per gli algoritmi che possa al tempo stesso essere una soluzione pratica per i gestori di dati personali ed uno strumento di tutela concreta di tutti gli utenti soggetti a profilazione automatizzata.

Leggi anche:

Dispositivi medici: all’Istituto TeCIP inizia il progetto PoC-BoSens per il primo strumento fotonico di misurazione portatile. da analisi di citochine la diagnosi veloce di tumori, malattie autoimmuni, tbc

Realizzare un prototipo che potrebbe diventare il primo dispositivo medico portatile basato su tecnologie fotoniche prodotto in Europa e, in...

STORIE DI TALENTI: TESISTA DELL’ISTITUTO DI BIOROBOTICA DELLA SCUOLA SANT’ANNA PUBBLICA UNO STUDIO SU UNA RIVISTA SCIENTIFICA INTERNAZIONALE E VIENE ASSUNTA DA UNA AZIENDA SVEDESE

Il suo progetto di tesi di laurea ha avuto un impatto scientifico così rilevante che non solo è stato pubblicato su una importante rivista...