Scienze sociali

Scienze Politiche

Programma di studio

Titolo

Docente

Ore

CFU

Abstract

Semestre

Markets and States

Stefan Collignon

20 ore

2.0 cfu

 

A discussion of the normative implications of markets, money, states and power

 

II semestre

Alimentazione e ambiente: quali diritti per le generazioni future?

Mariagrazia Alabrese

Eloisa Cristiani

Chiara Certomà

Alessandra Di Lauro

Annalisa Savaresi

Giuliana Strambi

12 ore

1.0 cfu

 

Il ciclo di seminari si aprirà con una lezione introduttiva teorica sulla possibilità di configurare l’esistenza di diritti per le generazioni future da una prospettiva multilivello, per poi concentrarsi su alcune questioni specifiche. Si affronteranno, in particolare, i temi dell’accesso alle risorse naturali, dei cambiamenti climatici, dell’ambiente, dell’energia e i diritti collegati al cibo. 

 

 

II semestre

Diritto Ambientale

Eloisa Cristiani

20 ore

2.0 cfu

 

Il Corso si compone di una parte generale relativa alle fonti multilivello del Diritto ambientale ed ai "principi" fondamentali della materia. Gli argomenti specifici dal clima alla disciplina dell'acqua , dei parchi , delle foreste o della difesa del suolo (etc...) verranno concordati con gli allievi sulla base della loro provenienza disciplinare 

 

I semestre

Gli Alimenti : le regole, i profili penalistici

Eloisa Cristiani

Gaetana Morgante

20 ore

2.0 cfu

 

Il Il Corso mira ad analizzare le regole di base del diritto alimentare: i principi, l’oggetto, i soggetti e le norme in tema di etichettatura per poi soffermarsi sugli aspetti di carattere penalistico. Sotto questo profilo il Corso si propone di affrontare i temi legati alla riforma dei reati alimentari in parallelo con lo status quo dell'attuale legislazione codicistica e complementare ed alle più moderne tendenze del diritto penale economico. 

 

 

I semestre

Scritture e immaginari coloniali

Barbara Henry

Mario Coglitore

Alessandro Faccioli

Giuliana Tomasella

20 ore

2.0 cfu

 

Il corso, entro la serie ‘Arte e Politica’, delinea la fisionomia generale e i profili più specifici l'armamentario scientifico, cartografico, immaginifico, incluse le aperture critiche interne,  su cui si è costruito lo sguardo sovraordinato  del colonialismo europeo nella sua fase matura. Si va dalle mappe, ai rapporti, alle esposizioni mondiali, con esibizioni di rarità animali e umane, fino alle più sofisticate   iconografiie orientalistiche dei maestri ottocenteschi: tali compositi elementi vengono analizzati e riletti criticamente da esperti di arte e comunicazione scientifico/tecnologica e propagandistica del periodo in oggetto,  non senza  il supporto degli spunti critici endogeni e autoctoni

 

II semestre

Genere e teoria politica. Nuove metodologie e Intersectionality

Anna Loretoni

Thomas Casadei

20 ore

2.0 cfu

 

Il corso si propone di introdure ai cosiddetti 'studi di genere', con una particolare attenzione alle questioni metodologiche relative a decostruzione e intersectionality. 

 

II semestre

In dialogo con i classici. J. Butler, La vita psichica del potere

Anna Loretoni

20 ore

2.0 cfu

 

Il corso avrà carattere seminariale e consisterà nella lettura del testo di J. Butler, La vita psichica del potere.

 

II semestre

DEMOCRAZIA E DEMOCRATIZZAZIONE

David Natali

Da Definire

20 ore

2.0 cfu

 

Il corso ha l'obiettivo di illustrare i principali contributi teorici e analitici della scienza politica sul tema dell'affermazione dei regimi democratici e il loro consolidamento e trasformazione. Sulla base della lettura critica dei principali contributi della letteratura politiologica, sono analizzati i tratti salienti del concetto di democrazia e la sua concreta implementazione e realizzazione in Europa.

 

II semestre

Politiche Estere Comparate

Serena Giusti

Francesco Strazzari

Anna Efimova

10 ore

1.0 cfu

 

Il Corso, partendo dall’analisi dei più rilevanti approcci allo studio dell’analisi della politica estera, si propone di fornire gli strumenti teorici, concettuali e analitici atti alla comprensione della natura, genesi, finalità della politica estera. Attraverso la disamina di alcuni casi di studio in una prospettiva comparativa, gli studenti avranno la possibilità di approfondire i processi decisionali e gli strumenti che gli stati utilizzano per perseguire i propri interessi in politica estera.  

 

I semestre

Le operazioni di pace delle NU e delle organizzazione regionali: recenti problemi e nuove sfide

Andreas M.t. De Guttry

20 ore

2.0 cfu

 

Lo svolgimento delle attività lobbystiche nei confronti del sistema istituzionale europeo (Commissione, Consiglio e Parlamento Europeo) ha assunto una grande importanza e rilevanza al punto da essere stata oggetto di alcuni atti normativi. Da una situazione clandestina e neppure molto definita né percepita dall’opinione pubblica, si è passati a una coscienza reale del fenomeno dei rappresentanti di interessi dentro e fuori le istituzioni comunitarie, che ha comportato tentativi più o meno riusciti ma ancora parziali di “emersione” e di regolamentazione. Inoltre,  il lavoro dei rappresentati di interessi pubblici e privati vede oggi una ricomposizione che scombina i fronti una volta contrapposti per definizione, industria contro società civile, sindacato contro industriali per esempio. Oggi ci si organizza anche su temi precisi e in modo da mettere insieme in modo visibile stakeholders molto diversi, come multinazionali e ONG.
 Nel Corso ci si propone pertanto di affrontare l'esame della normativa, della prassi e delle regole etiche rilevanti  cercando di evidenziare  come questa attività che è sempre esistita, è cambiata  nel tempo anche a) a seguito dell’aumento delle competenze della UE e in particolare del PE; b)   del cambio delle maggioranze politiche e c) del numero di Stati membri e le loro culture nazionali.

 

I semestre

Diritto dell'immigrazione e dei rifugiati tra regole internazionali e norme interne

Francesca Biondi

Francesca Capone

Emanuele Giuseppe Sommario

Andreas M.t. De Guttry

Silvia Scarpa

25 ore

2.0 cfu

 

"Il Corso sarà diviso in due sezioni (dedicate rispettivamente al diritto internazionale e  al diritto diritto interno). Ciascuna sezione sarà suddivisa in moduli che saranno tenuti da diversi docenti.    Modulo 1 Introduzione: introduzione generale al Corso (prof. Andrea de GUTTRY) (2 ore)    Modulo 2 International Migration Law  (Dr. Francesca Capone) 5 hours: The module focuses on International migration law (IML), which is the international legal framework governing migration. Such framework is not addressed by one ad hoc legal instrument or set of provisions, instead it is scattered throughout a wide array of principles and rules pertaining to different branches of international and domestic law (encompassing refugee law, human rights law, humanitarian law, labour law, trade law, maritime and air law, criminal law, nationality law, consular and diplomatic law, etc.). Bearing this important caveat in mind, the module will aim at providing a critical overview of, inter alia, the following issues:  - Analysis of International Migration Law and the main legal instruments governing it at the international level; - Responsibility of States under the IML fragmented framework, e.g. nationality, admission, stay, detention, expulsion; - Human Rights of migrants;  - States' cooperation on migration (with a particular focus on the EU); - Strengths and shortcomings of the current migration policies.  The teaching methods of this module will include both frontal lectures and in-class exercises.   Modulo  3: Refugee Law (prof. Emanuele SOMMARIO). 4 Hours  The module intends to provide participants with a comprehensive overview on the legal and political issues pertaining to the refugee phenomenon, with particular emphasis on its European dimension. It explores the concept of 'international protection' through the lens of the 1951 Refugee Convention. The following issues will be addressed: who is a refugee? What status does a refugee acquire? Who is excluded from protection? What is the role of the United Nations High Commissioner for Refugees? What does the concept of ""persecution"" entail, and what are the ""grounds"" and ""agents"" of persecution recognized under international and regional refugee law? The above issues will be explored through a mix of frontal lecturing and case-study solving. Participants are expected to have a sound knowledge of public international law.Modup 3: Human Trafficking Modulo 4: Human Trafficking (Dott.ssa S. Scarpa) (4 hours): The Module examines the international and European legislation in the field of trafficking in persons. It focuses on the problematic interpretation of the definition of trafficking in person included in the 2000 Protocol to Prevent, Suppress and Punish Trafficking in Persons, in Particular Women and Children and compares it with the definition of the smuggling of migrants included in the 2000 Protocol against the Smuggling of Migrants by Land, Sea and Air. The so-called 3-Ps approach to human trafficking – including prevention, prosecution and protection measures – is described and the recent re-direction towards a human rights approach towards the victims of this phenomenon is discussed. The innovative measures included in the 2005 Council of Europe Convention on Action against Trafficking in Human Beings are also taken into consideration and they are compared to the one included in the European Union Directive 2011/36/EU on preventing and combating trafficking in human beings and protecting its victims.  Teaching methodologies include both frontal lectures and case studies. Sezione II Diritto interno dell’immigrazione e dei rifugiati (Dott.ssa F. Biondi Dal Monte) (10 ore): Il modulo è dedicato all’analisi della legislazione e della giurisprudenza nazionale in tema di immigrazione e asilo. In particolare, partendo dall’esame dell’art. 10 della Costituzione italiana, saranno analizzate le normative nazionali di recepimento del diritto dell’Unione europea in tema di protezione internazionale con specifica attenzione ai seguenti temi: - attribuzione, a cittadini di paesi terzi o apolidi, della qualifica di beneficiario di protezione internazionale (rifugiato o beneficiario di protezione sussidiaria); - procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di protezione internazionale;  - accoglienza dei richiedenti protezione internazionale; - diritti fondamentali dei titolari di protezione internazionale e loro integrazione sul territorio (anche alla luce del Piano nazionale adottato a Settembre 2017). Una particolare attenzione sarà dedicata alla legislazione e alla giurisprudenza in tema di protezione umanitaria, quale forma di protezione che trova riconoscimento del testo unico in materia di immigrazione (D.lgs. 286/1998), e alla condizione dei minori stranieri non accompagnati che chiedono asilo, anche alla luce della recente legge n. 47/2017.  "

 

I semestre

L'attività lobbystica a livello europeo tra regole giuridiche ed etiche: realtà e sfide

Andreas M.t. De Guttry

Da Individuare

10 ore

1.0 cfu

 

Lo svolgimento delle attività lobbystiche nei confronti del sistema istituzionale europeo (Commissione, Consiglio e Parlamento Europeo) ha assunto una grande importanza e rilevanza al punto da essere stata oggetto di alcuni atti normativi. Da una situazione clandestina e neppure molto definita né percepita dall’opinione pubblica, si è passati a una coscienza reale del fenomeno dei rappresentanti di interessi dentro e fuori le istituzioni comunitarie, che ha comportato tentativi più o meno riusciti ma ancora parziali di “emersione” e di regolamentazione. Inoltre,  il lavoro dei rappresentati di interessi pubblici e privati vede oggi una ricomposizione che scombina i fronti una volta contrapposti per definizione, industria contro società civile, sindacato contro industriali per esempio. Oggi ci si organizza anche su temi precisi e in modo da mettere insieme in modo visibile stakeholders molto diversi, come multinazionali e ONG.
 Nel Corso ci si propone pertanto di affrontare l'esame della normativa, della prassi e delle regole etiche rilevanti  cercando di evidenziare  come questa attività che è sempre esistita, è cambiata  nel tempo anche a) a seguito dell’aumento delle competenze della UE e in particolare del PE; b)   del cambio delle maggioranze politiche e c) del numero di Stati membri e le loro culture nazionali.

 

II semestre