BENI CULTURALI E TECNOLOGIE AVANZATE: NUOVE OPPORTUNITA’ PER VISITARE LA MOSTRA SUL CODICE DEL VOLO DI LEONARDO DA VINCI A ROMA, ARRICCHITA DALL’ESPERIENZA MULTIMEDIALE IN 3D DEL SANT’ANNA

Prosegue la collaborazione tra la Scuola Superiore Sant’Anna e i Musei Capitolini di Roma, che ospitano la mostra con il manoscritto originale sul Codice del volo di Leonardo da Vinci, resa multimediale e interattiva grazie all’installazione del Laboratorio di Robotica Percettiva, parte dell'Istituto di Tecnologie della Comunicazione, dell’Informazione e della Percezione (TeCIP) della Scuola Superiore Sant’Anna. Per i visitatori sono in programma iniziative che vedono il loro diretto coinvolgimento.

In occasione dell’iniziativa del week end dei musei aperti, presso i Musei Capitolini di Roma, da venerdì  31 marzo a domenica 2 aprile, il Laboratorio di Robotica Percettiva, che fa parte dell'Istituto di Tecnologie della Comunicazione, dell’Informazione e della Percezione (TeCIP), organizza una raccolta di dati, da parte dei visitatori, per la valutazione scientifica della mostra “Leonardo e il volo”, nel contesto del Progetto Europeo eHeritage, in collaborazione con l'Associazione Culturale MetaMorfosi

La mostra “Leonardo e il volo. Il manoscritto originale del Codice e un’esperienza multimediale e 3D” è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, da un’idea e con l’organizzazione dell’Associazione Culturale MetaMorfosi, supportata da Zetema Progetto Cultura e sarà in esposizione fino al 17 aprile 2017.

Un viaggio che sposta le lancette dell’orologio indietro nel tempo, per atterrare all'anno 1505 e proiettarle poi nel 2017, esattamente 512 anni dopo, in un futuro da disegnare verso la modernità. Il percorso mira a mettere in evidenza il passaggio dalla mera idea illuminante dell’atto di volare, enfatizzata anche dalla figura di Icaro, al tentativo geniale di Leonardo di metterla in pratica; passo dopo passo attraverso la suggestiva visione del testo originale, conservato in una teca, e con un evocativo video 3D,  si comprende come oggi il sogno di Leonardo possa essersi realizzato.

Grazie alla partnership con il Laboratorio di Robotica Percettiva (Percro), che da anni conduce ricerche sulle tecnologie digitali e sull’impatto che hanno nel campo culturale nel loro potenziale comunicativo ed evocativo, la storia delle osservazioni e degli studi di Leonardo sul volo, si rivolge prioritariamente al pubblico, in particolare a quello più giovane, attraverso immagini  3D in grado di generare suggestioni ed emozioni senza rinunciare alla rigorosità scientifica.

Durante l’arco di tutto il week end ci saranno simulazioni 3D, incontri e dibattiti, con l'ambizione di fornire una guida digitale, in un percorso top-down, in cui la creazione di contenuti è un intreccio tra forme di sapere diverse, e non il risultato della decisione di scelte estetiche di un curatore.  L’obiettivo dell'utilizzo delle tecnologie digitali, e d’in particolare il multimedia e la computer grafica tridimensionale, è quello di creare un percorso aperto in cui lo spettatore, uscendo dal museo, continua la sua ricerca ponendosi domande e facendo ricerche sempre più approfondite sull’argomento.

In questa occasione sarà possibile confrontarsi con i ricercatori del laboratorio per approfondimenti sulla creazione del percorso espositivo multimediale e lo spettatore avrà modo di fornire la sua personale opinione sull'esperienza appena vissuta. L’interfaccia diretta e senza filtri, fondata sullo studio relativo alle opinioni degli utenti, è un tentativo di chiarire se gli obiettivi iniziali siano stati effettivamente raggiunti; in particolare, si dovrebbe capire se la mostra ha suscitato nel pubblico la curiosità di approfondire l’argomento nei suoi svariati punti di vista e se il fruitore si è sentito parte integrante di un percorso.

Leggi anche:

Medicina critica traslazionale: pasta arricchita con beta-glucano protegge cuore da infarto grazie a “bypass” naturali. Su Scientific Reports la ricerca dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Sant’Anna

Proteggere il cuore dall'infarto mangiando spaghetti: potrebbe diventare possibile grazie ad una pasta speciale, prodotta in Italia mescolando...

RANKING DI SETTORE DIFFUSI DA TIMES HIGHER EDUCATION: IL SANT’ANNA TRA LE 150 TOP UNIVERSITIES PER “COMPUTER SCIENCE” E TRA LE 125 PER “ENGINEERING AND TECHNOLOGY”

Nuove affermazioni della Scuola Superiore Sant’Anna nei ranking internazionali, con particolare riferimento a quelli di settore, diffusi dalla...

OLIVO E OLIO, DAL 18 AL 20 OTTOBRE IL QUARTO CONVEGNO NAZIONALE PROMOSSO DA SANT’ANNA E UNIVERSITA’ DI PISA: LE STRATEGIE PER CONSOLIDARE IL RUOLO DELL’ITALIA NELLA FILIERA

 L’Italia mantiene un ruolo di primo piano nella coltivazione dell’olivo e nella produzione dell’olio, grazie a una indiscussa qualità del...