Certificazione ambientale EMAS: la Commissione Europea valuta funzionamento e risultati 20 anni dopo l’adozione del regolamento, sulla base di uno studio dell’Istituto di Management della Scuola Sant’Anna

La Commissione Europea si affida agli studi condotti all’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna per valutare il funzionamento e i risultati del regolamento europeo di politica ambientale EMAS e per deciderne il suo futuro. Il regolamento EMAS rappresenta uno standard di riferimento per ottenere da parte delle imprese una certificazione ambientale di eccellenza oltre che essere uno degli strumenti principali per il perseguimento della cosiddetta “economia circolare”. La Commissione Europea ha fatto propri i risultati dello studio condotto da un team dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna, coordinato da Fabio Iraldo, docente in management della sostenibilità, in collaborazione con adelphi, società di consulenza tedesca con sede a Berlino.

“L’obiettivo del nostro studio – spiega Fabio Iraldo - era valutare l’efficacia del regolamento EMAS a 20 anni dalla sua emanazione. Lo studio, che ha visto coinvolto con un’indagine condotta attraverso un questionario più di 460 imprese europee registrate EMAS e vari attori istituzionali come ad esempio i Comitati EMAS di vari paesi membri, ha indagato i benefici dell’adozione del regolamento EMAS. I risultati hanno dimostrato la capacità di questa certificazione ambientale di migliorare la gestione della conformità normativa, ridurre i rischi di incidenti ambientali, migliorare le prestazioni raggiungendo sia obiettivi ambientali che economici come ad esempio minori costi per il consumo energetico”.

Anche sulla base dei risultati dello studio dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna, la Commissione Europea ha deciso di voler aumentare il valore aggiunto di EMAS attraverso un maggior coinvolgimento degli Stati membri, nel raggiungere alcuni specifici obiettivi come l’adozione di semplificazioni amministrative e della legislazione ambientale per le imprese certificate EMAS. Grazie a queste semplificazioni le organizzazioni EMAS potranno quindi beneficiare ad esempio di autorizzazioni con una scadenza più lunga, di una migliore valutazione nei bandi pubblici, di procedure amministrative più veloci e snelle.

Il report della Commissione Europea e lo studio di riferimento predisposto dall’Istituto di Management sono disponibili qui .

Leggi anche:

VINI ITALIANI E MERCATI MONDIALI: FINO AL 10 OTTOBRE LE ISCRIZIONI ALLA TERZA EDIZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO CHE FORMA GLI “AMBASCIATORI” DELLE NOSTRE PRODUZIONI VITIVINICOLE NEL MONDO

Formare una nuova figura professionale per aumentare la conoscenza dei vini italiani all’estero, nei paesi dove la loro diffusione è...

GRAN PREMIO DELLE IDEE INNOVATIVE TOSCANE, INIZIA LA START CUP 2017: FINO AL 2 OTTOBRE LE ADESIONI INVIANDO UN BUSINESS PLAN

La Start Cup Toscana 2017 premia nuovi imprenditori e li supporta nel trasformare in impresala loro idea ad alto contenuto di tecnologia. Per...

Robotica, a Pisa dal 7 al 13 settembre la prima edizione del festival internazionale: così le nuove tecnologie dell’automazione si mettono al servizio dell’uomo per curarlo, aiutarlo a vivere e a lavorare meglio

La robotica al servizio dell’uomo: per liberarlo dalle incombenze più faticose, intervenire con estrema precisione e affidabilità sul corpo...