esercitazione “mare aperto” promossa dalla marina militare: partecipano allieve e allievi della scuola sant'anna come consiglieri politici e legali. il gruppo si è ritrovato a civitavecchia da dove si è imbarcato sulla portaerei “cavour”

Partecipare all’esercitazione “Mare Aperto”, promossa dalla Marina Militare, nel ruolo di Consiglieri Politici e di Consiglieri Legali è l’opportunità offerta a un gruppo di allievi e allieve della Scuola Superiore Sant'Anna, nel quadro della collaborazione più che decennale con le Forze Armate italiane. Il team, che si arricchisce di un allievo dottorando in qualità di accompagnatore, con la supervisione scientifica di Andrea de Guttry, docente di Diritto Internazionale della Scuola Superiore Sant'Anna, si è dato appuntamento per domenica 3 ottobre al porto di Civitavecchia, dove si è imbarcato sulla portaerei “Cavour”, la nave ammiraglia della flotta della Marina Militare.

A seguito di una selezione, la Scuola Superiore Sant’Anna ha individuato chi partecipa all’esercitazione: si tratta di Zahra Bel Arache (allieva della laurea magistrale in Security Studies, congiunta con l’Università di Trento), Anna Pagnacco (allieva ordinaria del settore di Scienze Politiche), Alberto Baldini (allievo ordinario del settore di Giurisprudenza), con la supervisione di Alessandro Mario Amoroso, allievo dottorando del Ph.D. in Human Rights and Global Politics.

L’esercitazione “Mare Aperto”, organizzata ogni anno dalla Marina Militare, per migliorare le conoscenze e le capacità operative nei domini di sua competenza (inclusi aspetti legati a cyber, regole d’ingaggio, rischio chimico, biologico e radio nucleare, tutela dell'ambiente, mediazione culturale e pubblica informazione), prevede l'imbarco sulle unità navali di gruppi di studentesse e di studenti, provenienti da diversi atenei italiani, inclusa la Scuola Superiore Sant'Anna.

Per il 2021, la fase di esercitazione in mare è prevista fino a venerdì 29 ottobre. Oltre a unità della Marina Militare italiana, è prevista la partecipazione anche di unità navali di Stati Uniti, Francia, Germania, Turchia e di rappresentanti della Nato. La possibilità di partecipare all’esercitazione “Mare Aperto” si inserisce tra le numerose attività di ricerca e di formazione che la Scuola Superiore Sant’Anna organizza nel campo del diritto e delle relazioni internazionali, che includono opportunità di formazione specializzata per personale nazionale e internazionale in collaborazione con forze armate e di polizia italiane e straniere.

Prima di arrivare all’imbarco, le allieve e gli allievi della Scuola Superiore Sant'Anna hanno partecipato a un processo di formazione, finalizzato a potenziare le conoscenze delle problematiche militari in mare e a facilitare la partecipazione nel ruolo di Consiglieri Politici e di Consiglieri Giuridici. Gli incontri si sono soffermati su temi come la realtà geopolitica del Mediterraneo; il diritto del mare; lo status della nave da guerra; gli obblighi di ricerca e di salvataggio in mare; l’automazione nel dominio marittimo; la strategia marittima di Italia e Nato. Gli incontri, coordinati da Alessandro Mario Amoroso insieme alla collega Francesca Romana Partipilo, hanno visto la partecipazione di altre due allieve ordinarie della Scuola Superiore Sant’Anna, Alice Fill e Stella Wolf, entrambe del settore di Scienze Politiche.

Nella prima parte dell’esercitazione, il gruppo della Scuola Superiore Sant'Anna costituirà una sorta di “White Cells” (unità di personale civile impiegato a supporto dello staff militare nella supervisione, direzione e coordinamento dell'esercitazione) che avranno il compito di supportare il direttore negli aspetti di carattere politico e legale necessari allo sviluppo della campagna militare, ovviamente simulata. Nella fase tattica dell’esercitazione, prevista tra lunedì 18 e mercoledì 27 ottobre, è previsto un autentico esercizio “a gioco libero”, durante il quale il gruppo di allievi e di allieve sarà integrato alla forza armata simulando il ruolo di Consigliere Politico e Legale.

“Ancora una volta le allieve e gli allievi della Scuola Superiore Sant'Anna, adguatamente preparati in anticipo, hanno una occasione unica – sottolinea Andrea de Guttry - di partecipare ad una importantissima esercitazione delle Marina Militare: ne trarranno enorme beneficio in quanto avranno occasione di sperimentare direttamente le sfide e le difficoltà di prendere decisioni sagge in tempi ristretti, specie se da tali decisioni dipende la vita di altre persone. Dall'altro canto, sono convinto che anche la Marina Militare trarrà grande beneficio dalla presenza degli allievi durante lo scenario: sarà una occasione straordinaria per il mondo militare di migliorare la capacità di interagire con il mondo civile tenendo conto delle sue complessità”.