I PROTAGONISTI DELLA RICERCA A PISA NEL LIBRO DI DUE DOCENTI DELL’ISTITUTO DI MANAGEMENT DEL SANT’ANNA, ANDREA PICCALUGA E ALBERTO DI MININ, E DELLA FOTOGRAFA ARTISTICA IRENE TADDEI

Chi sono i protagonisti della ricerca in Italia e a Pisa in particolare? Quali sono o sono state le loro intuizioni e le loro passioni e, soprattutto, quale il loro contributo al progresso della ricerca scientifica? STEMPISA 2020, la nuova pubblicazione dei docenti di Economia e gestione delle imprese all’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna Alberto Di Minin, Andrea Piaccaluga (anche direttore dell’Istituto di Management) e della fotografa artistica Irene Taddei, con le note storiche del giornalista Giuseppe Meucci, fa conoscere 41 talenti della ricerca scientifica che lavorano a Pisa, città dove hanno studiato illustri scienziati come Galileo Galilei, Enrico Fermi, Carlo Rubbia e centro d’eccellenza e di innovazione grazie al lavoro di migliaia tra docenti e ricercatori.

I protagonisti di queste storie sono all’opera ogni giorno, tra idee e innovazioni, studio e imprenditoria. Sono uomini e donne a volte giovanissimi e già apprezzati per i loro risultati o ancora emergenti, alcuni nati nella città della torre pendente, altri arrivati dal resto d’Italia e dall’estero. Tutti operano nel campo delle discipline STEM (acronimo per Science, Technology, Engineering and Mathematics).

Nell’anno in cui la città festeggia il 50° anniversario dell’attivazione del primo corso di laurea in informatica all’Università di Pisa, il volume STEMPISA 2020 voluto dalla Forti Holding ed edito da Pacini Editore, per far conoscere al pubblico e agli studenti il percorso e i successi di chi contribuisce ogni giorno alla ricerca nel nostro Paese e ha voluto cercarne a Pisa il futuro, è protagonista della presentazione in programma giovedì 28 novembre alle 17.30, nell’auditorium “Rino Ricci” della Camera di Commercio di Pisa.

Sette le sezioni della pubblicazione, dedicate all’Università di Pisa, alla Scuola Normale Superiore, alla Scuola Superiore Sant’Anna, al Consiglio Nazionale delle Ricerche, all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, all’Istituto Italiano di Tecnologia, al progetto VIRGO-EGO.

Il talk del 28 novembre è introdotto dai saluti del sindaco di Pisa Michele Conti e moderato dal giornalista Francesco Ippolito. Intervengono il rettore dell’Università di Pisa Paolo Maria Mancarella, il direttore della Scuola Normale Superiore Luigi Ambrosio, la rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna Sabina Nuti, il presidente dell’Area della Ricerca CNR Pisa Giorgio Iervasi e gli autori Andrea Piccaluga e Alberto Di Minin. Partecipa all’incontro l’editore Pier Francesco Pacini. A chiudere la presentazione Luigi Doveri, in rappresentanza della Forti Holding.

“Pisa ha un cuore che pulsa di micromeccatronica, robotica, intelligenza artificiale, biongegneria, big data, ricerche in campo medico, ingegneria aerospaziale, chirurgia robotica, nanotecnologie. Molte delle persone ritratte all’interno di questo volume - sottolinea Franco Forti, presidente della Forti Holding SpA - hanno dato vita a vere rivoluzioni scientifiche nelle loro materie e devono diventare fonte di ispirazione per gli studenti in cerca di modelli da seguire. Le aziende del Gruppo Forti hanno sempre fatto ricorso all’innovazione quale elemento distintivo per portare valore al territorio in cui hanno operato e da anni Montacchiello si identifica con innovazione, tecnologia e voglia di fare impresa in modo diverso: qualità della vita, formazione, competenze e legami con le università creano un mix quasi immune ai cicli economici che caratterizzano il nostro Paese, ma anche i mercati internazionali”.

Leggi anche:

Pronti la squadra dei delegati e il nuovo direttore generale per supportare la rettrice Sabina Nuti nel raggiungere gli obiettivi del programma di mandato approvato dal Senato Accademico

La rettrice Sabina Nuti ha scelto i delegati che la affiancheranno nel governo della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, per supportarla nel...

Ripensare le leggi sul copyright digitale, il Sant’Anna capofila di progetto "ReCreating Europe". 3 mln di euro e 10 Università per misurare il suo impatto su creatività, diversità culturale, accesso a conoscenza

Tre milioni di euro, trentasei mesi, dieci Università, otto Paesi europei, oltre 25 docenti e ricercatori sono i numeri dell’ambizioso progetto...