TRENITALIA, I VERTICI AZIENDALI VISITANO LA SCUOLA SANT’ANNA E IL SUO ISTITUTO TECIP PER DISCUTERE ANDAMENTO DEI PROGETTI CONGIUNTI DI INNOVAZIONE E PIANIFICARE GLI SVILUPPI DELLA PARTNERSHIP

I vertici di Trenitalia hanno visitato l’Istituto TeCIP (Tecnologie della Comunicazione, Informazione e Percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna, per discutere l’avanzamento dei progetti di innovazione congiunti e per pianificare le prospettive di sviluppo della partnership. L’incontro, tenutosi inizialmente nella sede principale alla presenza del Rettore Pierdomenico Perata, ha fornito alla delegazione la fotografia aggiornata sulle più rilevanti attività di formazione e ricerca e le prospettive di crescita della Scuola Superiore Sant’Anna.

In occasione della visita alla Scuola Superiore Sant’Anna, la delegazione di Trenitalia, composta dall’Amministratore delegato Barbara Morgante, dal Presidente Tiziano Onesti e dal Direttore tecnico Marco Caposciutti, ha poi raggiunto l’Istituto TeCIP, dove ha ricevuto una presentazione dal Direttore Massimo Bergamasco e si è poi incontrata con docenti e ricercatori impegnati nei progetti comuni, visitando anche tutti i Laboratori e, in particolare, il Laboratorio di Robotica Percettiva (PercRo) attivo all’interno dell’Istituto TeCIP del Sant’Anna.

La collaborazione fra Trenitalia e Istituto TeCIP oggi si sostanzia essenzialmente in due progetti, legati alla manutenzione innovativa del materiale rotabile, utilizzando tecnologie avanzate quali “internet delle cose”, sistemi di “big data”, realtà virtuale per le quali è riconosciuto il ruolo di leader internazionale all’Istituto TeCIP e al suo Laboratorio di robotica percettiva (PercRo).

“Visione e sistemi robotici per migliorare la maintenance on condition” è il progetto seguito dal Ricercatore Carlo Alberto Avizzano e dal suo team, che prevede la realizzazione di un nuovo sistema di acquisizione e di elaborazione semiautonoma dello stato di “salute” dei mezzi rotabili. Il sistema, composto da una architettura ibrida di robot, camere, laser, è in grado di procedere alla “radiografia tridimensionale” di un treno durante il passaggio in un portale attrezzato. I risultati sono poi elaborati e integrati con la nuova architettura di “Manutenzione su condizione”, di Trenitalia. Infine, i dati sono resi fruibili da operatori locali e remoti con tecniche di visualizzazione immersive e sistemi diretti per la loro analisi. Il prototipo preliminare del sistema sarà presto installato e validato presso il centro di manutenzione del trasporto regionale toscano di Trenitalia all’Osmannoro (Firenze).

Un secondo progetto che vede impegnati Istituto TeCIP e azienda nazionale di trasporto dal nome “Reti e sensori a bordo treno” è stato presentato dal Prof. Piero Castoldi con il suo team; il progetto utilizza le tecnologie e la sensoristica wireless, conforme al paradigma di “internet delle cose”, applicato al mondo ferroviario. Il prototipo sarà consegnato nel secondo semestre 2017 e consentirà la comunicazione wireless tra le carrozze e sensoristiche innovative a bordo treno.

Al termine dell’incontro, l’Amministratore delegato di Trenitalia Barbara Morgante ha espresso piena soddisfazione della partnership in corso che potrà arricchirsi presto di nuovi e importanti progetti innovativi. Il Direttore dell’Istituto TeCIP, nonché fondatore del Laboratorio di Robotica Percettiva (PercRo) ha aggiunto che “è stata raggiunta la consapevolezza da entrambe le parti di un rapporto fiduciario per le attività svolte e quindi la volontà di poter proseguire in modo pratico e fattivo, con l’estensione a ulteriori temi di ricerca”.

 

Nella foto di copertina: Tre rendering del concept di nuovo portare di visione e robotica per la manutenzione su condizione (predittiva) dei treni. In alto a sinistra uno dei sistemi di acquisizione (laser 3D), al centro l’esempio di un treno che attraversa un portale attrezzato, in basso a destra uno dei sistemi robotici per l’ispezione a distanza ed in sicurezza del sottocassa del treno.