Uso dei Biostimolanti in Agricoltura: al terzo congresso mondiale protagonista l’innovazione del “JointLab” di Valagro con il PlantLab dell’Istituto di Scienze della Vita del Sant’Anna

I risultati di un programma di ricerca congiunto con il “Joint Lab” del PlantLab dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna sono presentati da Valagro, azienda leader nella produzione e commercializzazione di biostimolanti e specialità nutrizionali, al terzo congresso mondiale sull’uso dei biostimolanti in agricoltura. Il congresso, ospitato per la prima volta negli Stati Uniti fino al 30 novembre, presso lo Hyatt Regency Hotel di Miami, si conferma l’evento tecnico e scientifico di riferimento per il settore con la partecipazione attesa di più di 1.200 delegati da tutto il mondo, a testimoniare il crescente interesse della comunità scientifica e del mondo produttivo.
 
Nell’ambito di questo congresso, i ricercatori della divisione Global R&D di Valagro, in collaborazione con i loro partner internazionali, illustrano gli aspetti sostanziali dei recenti progressi scientifici e tecnologici, funzionali allo sviluppo di biostimolanti sempre più innovativi ed efficaci. In particolare Alberto Piaggesi, Global R&D Director di Valagro, presenta alla comunità scientifica i risultati di un programma di ricerca congiunto con il “Joint Lab” del PlantLab dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna. Frutto di tale sinergia è lo sviluppo di una tecnologia, di esclusiva proprietà di Valagro, per la realizzazione di biostimolanti. Questa tecnologia utilizza micro RNA naturali, estratti dalle piante, in grado di modulare diversi processi fisiologici nelle colture di interesse. Gli studi in corso suggeriscono che queste sequenze genetiche, di origine vegetale, possono influenzare in maniera positiva la fisiologia delle piante e, quindi, offrire potenziali opportunità, per sviluppare in futuro biostimolanti innovativi, specifici e altamente efficaci. A complemento di questo studio, Alessandro Biasone, Lab Specialist - Synthetic & Analytical Chemistry di Valagro, illustra un approccio avanzato all’analisi genomica per la caratterizzazione chimica di sostanze umiche, di diversa origine, finalizzate allo sviluppo di formulazioni biostimolanti specifiche.
 
“Approcci di ricerca innovativi – commenta Giuseppe Natale, CEO di Valagro - come quelli fondati sull’utilizzo delle scienze omiche utilizzati da Valagro e ampiamente illustrati al congresso mondiale dei biostimolanti, ci permettono di ampliare la conoscenza sulle modalità di azione di queste soluzioni,  di comprovarne l’efficacia, nonché di creare prodotti sempre più innovativi e realmente rispondenti alle esigenze degli agricoltori, chiamati a coniugare produttività e sostenibilità per far fronte alla domanda di cibo della crescente popolazione mondiale. Il congresso rappresenta l’occasione preziosa per condividere con la comunità scientifica e più ampiamente con l’intero settore il know-how di Valagro, frutto dell’impegno continuo nella ricerca e nello sviluppo di biostimolanti sempre più all’avanguardia. Tale impegno alimenta la nostra volontà di diventare un player di riferimento nel mercato globale della nutrizione agricola e dei biologicals attraverso l’integrazione e l’offerta di soluzioni avanzate e servizi tecnologici a valore aggiunto agli agricoltori di tutto il mondo”.
 
In foto: particolare del “Joint Lab” del PlantLab dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna (archivio)