Addestramento delle Forze di Polizia europee: si conclude il progetto “Let4Cap” per il consolidamento di capacità e competenze. La Scuola Sant’Anna all’evento di giovedì 5 dicembre a Bruxelles

Cinque corsi di formazione in tre paesi, 125 persone addestrate tra funzionari pubblici e appartenenti a forze di polizia internazionale, 25 esperti, 500 operatori delle forze dell’ordine pronti per missioni internazionali, coinvolgimento di 28 Paesi europei e importanti istituzioni: sono i numeri del progetto Let4Cap” (acronimo di “Law Enforcement Training for Capacity Building”) che ha visto la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa in prima fila nella formazione degli operatori dei reparti di sicurezza dei Paesi europei impegnati all’estero. Il progetto è arrivato al termine e giovedì 5 dicembre 2019 Andrea de Guttry, docente di diritto internazionale e direttore dell’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) rappresenta la Scuola Superiore Sant’Anna all’evento di chiusura del progetto, in programma a Bruxelles.

L’evento di Bruxelles coincide con la conclusione del progetto che ha preso avvio a novembre 2016 e che è stato finanziato dalla Direzione Generale Migrazione e Affari Interni della Commissione Europea. Promosso per contribuire allo sviluppo e alla formazione delle forze di polizia impegnate all’estero, il progetto Let4Cap è stato condotto in questi anni da CoESPU (Centre of Excellence for Stability Police Units) dell’Arma dei Carabinieri con Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa; Studiare Sviluppo, agenzia in-house del Ministero dell’Economia e delle FinanzeCEP - Centre for European Perspective (Slovenia) e Polizia Nazionale Polacca.

Significativo il contributo della Scuola Superiore Sant’Anna che, attraverso il suo Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) ha contribuito alla realizzazione di cinque corsi di formazione in ItaliaPolonia e Slovenia e di materiali didattici e allo sviluppo di database in materia di “capacity building”, ovvero “costruzione e conseguente affinamento delle capacità”. Il progetto è stato dunque rivolto ai membri delle Forze di Polizia degli Stati membri dell’Unione Europea chiamati a svolgere, in altri Paesi, compiti di formazione in ambito bilaterale e multilaterale, e ai funzionari pubblici coinvolti in attività di rafforzamento istituzionale all’estero nel settore delle Forze dell’Ordine. Fra gli obiettivi anche una comune cultura di “capacity building” tra le forze dell’ordine fondata sui valori fondamentali dell’Unione Europea.

“La collaborazione tra la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e il Comando Generale di Carabinieri – sottolinea Andrea de Guttry nel presentare l’evento di giovedì 5 dicembre - ha dimostrato, ancora una volta, che l'Italia, quando riesce a mettere insieme le sue eccellenze, può svolgere un ruolo decisivo in Europa e nel mondo per promuove la pace e la ricostruzione post conflitto. Le persone formate all'interno di questo progetto saranno impegnate in aree difficili dimostrando  così la vicinanza, anche fisica,  dell'Italia e dell'Europa alle popolazioni affette da crisi naturali o da conflitti”.

Leggi anche:

Pronti la squadra dei delegati e il nuovo direttore generale per supportare la rettrice Sabina Nuti nel raggiungere gli obiettivi del programma di mandato approvato dal Senato Accademico

La rettrice Sabina Nuti ha scelto i delegati che la affiancheranno nel governo della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, per supportarla nel...

Ripensare le leggi sul copyright digitale, il Sant’Anna capofila di progetto "ReCreating Europe". 3 mln di euro e 10 Università per misurare il suo impatto su creatività, diversità culturale, accesso a conoscenza

Tre milioni di euro, trentasei mesi, dieci Università, otto Paesi europei, oltre 25 docenti e ricercatori sono i numeri dell’ambizioso progetto...