BIOLOGIA DELL’OLIVO E OLIVICOLTURA: PREMIO DI STUDIO IN RICORDO DI CLAUDIO VITAGLIANO PER UN GIOVANE STUDIOSO

Nel decennale della scomparsa del prof. Claudio Vitagliano già preside e vice direttore della Scuola Superiore Sant’Anna, nonché vice presidente e consigliere dell’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio di Spoleto, la famiglia di Claudio Vitagliano ha devoluto un contributo alla Scuola per onorarne la memoria e per valorizzare giovani studiosi e studiose che abbiano realizzato una pubblicazione sulla biologia dell’olivo e sull’olivicoltura.

Il premio consiste in una somma di 1.500 euro, al lordo delle ritenute fiscali di legge, e sarà assegnato alla migliore pubblicazione, secondo i criteri stabiliti da una Commissione nominata dalla Scuola Superiore Sant’Anna e dall’Accademia nazionale dell’Olivo e dell’Olio di Spoleto.

Le domande di partecipazione devono essere presentate entro il 30 aprile 2016 da candidati e candidate che, a questa data, siano in possesso di requisiti previsti dal bando e riportati nel modulo di domanda qui disponibili.

“Claudio Vitagliano, artefice della crescita della Scuola Superiore Sant’Anna e autore di studi pionieristici”: il ricordo di Luca Sebastiani 

“Dieci anni fa il professor Claudio Vitagliano, ordinario di arboricoltura generale e coltivazioni arboree presso la Scuola Superiore Sant’Anna si spegneva prematuramente, lasciando nel più profondo cordoglio la famiglia, gli amici ed i colleghi di lavoro.

Claudio Vitagliano è stato tra i primi docenti della Scuola Superiore Sant’Anna, contribuendo con assiduità e con passione alla sua fondazione e crescita, operando per molti anni come preside della Classe di scienze sperimentali e vice direttore.

Dotato di grandissima umanità e generosità, è stato uno studioso di riconosciute qualità scientifiche, portando a compimento numerosi e spesso pionieristici studi.

Tra le specie arboree da lui studiate, l’olivo è stata la prediletta. Su questa specie ha condotto ricerche di base sulla fisiologia degli stress, la biologia fiorale, la fruttificazione, l’abscissione, fino ad affrontare gli aspetti più applicativi della tecnica colturale e della raccolta meccanica.

Negli ultimi anni di lavoro alla Scuola Superiore Sant’Anna, Claudio Vitagliano contribuì con entusiasmo alla realizzazione e al trasferimento dei laboratori BioLabs, dell’attuale Istituto di Scienze della Vita, nell’allora neo-costituita sede del Polo Sant’Anna Valdera.

In quella sede, oggi ospitante l’Istituto di Biorobotica, i BioLabs svolgono ancora la loro missione scientifica e didattica in un contesto di ricerca dinamico, innovativo e internazionale come dimostrano i numerosi progetti e le pubblicazioni realizzate.

Per commemorare il decennale della scomparsa, la sua famiglia, con il supporto scientifico della Scuola e dell’Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio di Spoleto, ha voluto istituire un Premio di studio ‘Claudio Vitagliano’ destinato a giovani studiosi e studiose che abbiano realizzato una pubblicazione scientifica di livello nazionale o internazionale inerente la biologia dell’olivo e l’olivicoltura”

Leggi anche:

Il cambiamento climatico colpisce le banche e pesa per il 20 % sulla mancata crescita: su Nature Climate Change lo studio di team internazionale, con ricercatori dell’Istituto di Economia del Sant’Anna

Il nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change evidenzia come i danni dei cambiamenti climatici possano avere un effetto...

RICERCA E FORMAZIONE: ACCORDO TRA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA MEYER, SCUOLA SANT’ANNA DI PISA, UNIVERSITÀ DI FIRENZE. LA RETTRICE SABINA NUTI: "NUMEROSE E QUALIFICATE LE ATTIVITA'. ECCO QUALI SARANNO"

Ricerca e alta formazione al servizio della salute dei più piccoli: sono gli obiettivi dell’accordo siglato lunedì 28 ottobre al Meyer tra la...

il conto dei disastri naturali: danni moltiplicati negli ultimi 50 anni. La dimostrazione nello studio di Scuola Sant’Anna e Penn State University pubblicato sui “Proceedings of the National Academy of Sciences” (PNAS)

Alluvioni, tempeste, uragani, ondate di calore estreme, siccità, incendi, frane sono alcuni dei disastri naturali, associati al cambiamento...