Formazione, ricerca e trasferimento tecnologico: siglata la convenzione tra Scuola Sant’Anna e Unione Industriale Pisana (UIP). La rettrice Nuti: “Contributo per rendere più competitivo il tessuto economico e imprenditoriale”

Collaborazione per attività di formazione, ricerca e trasferimento tecnologico, per contribuire allo sviluppo economico del territorio: è stata siglata oggi, venerdì 29 novembre, la convenzione tra la Scuola Superiore Sant’Anna e l’Unione Industriale Pisana (UIP), articolazione provinciale di Confindustria, per avviare una collaborazione di durata biennale. Il documento è stato firmato dalla rettrice Sabina Nuti e dalla presidente dell’UIP Patrizia Alma Pacini. Individuati anche i referenti per l’attuazione: il ricercatore in diritto costituzionale Luca Gori per la Scuola Superiore Sant’Anna e il direttore Carlo Frighetto per l’UIP.

Entrando nel merito della convenzione, per le attività formative, l’accordo prevede l’attivazione di uno scambio di competenze ed esperienze. Da un lato, la Scuola Superiore Sant’Anna può proporre agli imprenditori associati alla UIP e ai loro dipendenti la partecipazione a convegni, conferenze e seminari, dedicati in particolare allo sviluppo della competitività e all’introduzione di tecnologie innovative. Dall’altro, l’UIP può mettere a disposizione esperienze e testimonianze degli associati, da utilizzare anche per attività formative e progetti di ricerca.

Per la ricerca, la collaborazione si sostanzia nella partecipazione a progetti, anche in maniera congiunta; per il trasferimento tecnologico la convenzione tra Scuola Superiore Sant’Anna e l’UIP prevede la condivisione di conoscenze tecniche e scientifiche a beneficio delle imprese associate. In questo modo la Scuola Superiore Sant’Anna può contribuire a generare un impatto positivo sul tessuto economico e produttivo di Pisa e della sua provincia, in linea con il Piano di orientamento strategico della Scuola Superiore Sant’Anna.

“Vogliamo fare la differenza e lasciare il segno con il nostro contributo per migliorare la società: con la convenzione siglata oggi compiamo un altro passo per raggiungere questo obiettivo. La Scuola Superiore Sant’Anna rafforza la sua capacità di produrre valore per la collettività, agendo come volano di sviluppo sociale ed economico, culturale e tecnologico, attraverso le attività di formazione, ricerca e terza missione, da condividere in questo caso con le imprese parte dell’Unione Industriale Pisana. Questa convenzione – continua Sabina Nuti – ci permette di trasferire conoscenze, di comprendere meglio come rendere la nostra formazione sempre più aderente alle figure richieste del mercato, con vantaggi per i nostri allievi per le attività di Job Placement. La Scuola Superiore Sant’Anna si propone oggi come un articolato sistema capace di portare soluzioni concrete e innovative sotto differenti punti di vista (etici, economici, giuridici, manageriali, tecnologici) su temi chiave per lo sviluppo e la competitività di Pisa e della sua provincia”.

“Il nostro territorio è un concentrato unico per la qualità e quantità formativa. La Scuola Superiore Sant’Anna è una eccellenza a livello mondiale sia per la ricerca sia per la qualità degli studenti laureati, e le nostre aziende hanno sempre più bisogno di persone qualificate e di ricerca - commenta la presidente dell’Unione Industriale Patrizia Alma Pacini -. La convenzione ha lo scopo di far permeare sempre di più queste conoscenze sul nostro territorio, così da arricchire il tessuto e generare un ciclo virtuoso tra aziende e università come un unico sistema e non più ‘mondi’ separati”.

Nella foto di copertina: da sinistra la presidente dell'UIP Patrizia Alma Pacini e la rettrice della Scuola Superiore Sant'Anna Sabina Nuti durante la firma del protocollo. 

Leggi anche:

Pronti la squadra dei delegati e il nuovo direttore generale per supportare la rettrice Sabina Nuti nel raggiungere gli obiettivi del programma di mandato approvato dal Senato Accademico

La rettrice Sabina Nuti ha scelto i delegati che la affiancheranno nel governo della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, per supportarla nel...

Ripensare le leggi sul copyright digitale, il Sant’Anna capofila di progetto "ReCreating Europe". 3 mln di euro e 10 Università per misurare il suo impatto su creatività, diversità culturale, accesso a conoscenza

Tre milioni di euro, trentasei mesi, dieci Università, otto Paesi europei, oltre 25 docenti e ricercatori sono i numeri dell’ambizioso progetto...