SOFT ROBOTICS E INTELLIGENZA ARTIFICIALE: UNA DOCENTE DELL’ISTITUTO DI BIOROBOTICA DELLA SCUOLA SANT’ANNA TRA I RELATORI DEL FESTIVAL DELLA FILOSOFIA DI LABICO

Il passaggio dall’intelligenza umana all’intelligenza artificiale è il tema centrale della prima edizione del Festival della Filosofia di Labico, provincia di Roma, intitolato “Il '900 - dall'intelligenza umana all'intelligenza artificiale” e in programma il 16 e il 17 novembre nell’ambito delle iniziative legate al progetto “Novecento”, vincitore del bando “Città della cultura della Regione Lazio 2018”. Il Festival è dedicato alla memoria di Arianna Buttinelli, ricercatrice universitaria e cofondatrice di AISIA (Associazione Sindrome da Insensibilità agli Androgeni), prima Onlus italiana sui Disordini della differenzazione sessuale.
Tra i relatori che intervengono alla due giorni di dibattiti e conferenze, c’è anche Cecilia Laschi, docente dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e una delle massime esponenti internazionali della ricerca sulla soft robotics. Cecilia Laschi interviene sabato 17 novembre alle ore 11,30 con una relazione che ripercorre proprio la storia della soft robotics, nata con il progetto Octopus, un polpo robotico capace di scandagliare i fondali marini, e illustra le prossime sfide della ricerca scientifica nel campo della robotica che, unendo ingegneria e biologia, aspira a realizzare robot al servizio dell’uomo e del pianeta.

Oltre a Cecilia Laschi, il Festival della Filosofia di Labico prevede gli interventi di Remo Bodei, direttore scientifico del Festival, filosofo di fama internazionale che per tanti anni ha insegnato alla Scuola Normale Superiore di Pisa e attualmente docente presso l’University of California, di Daniele Pucci ricercatore dell’Istituto Italiano di Tecnologia , di Marco Menichelli, CTO in XSENSE Corp e Innovation Scientist in Silicondev S.p.A, e di Daniele Amoroso, professore associato dell’Università di Cagliari.

Scarica qui il programma del Festival.