ROBOTICA: DAL 7 AL 13 SETTEMBRE 2017 PISA NE DIVENTA LA CAPITALE CON IL PRIMO FESTIVAL DEDICATO ALLE TECNOLOGIE DEL FUTURO. IL PROGRAMMA IN ANTEPRIMA

È la prima volta che un festival sarà dedicato esclusivamente ai robot e a tutte le loro applicazioni. Una settimana intera dedicata alla Robotica, sette giorni in cui Pisa diventerà la capitale del futuro. Dal 7 al 13 settembre 2017 è in programma il primo Festival Internazionale della Robotica, nato da una sinergia di intenti e di idee che ha coinvolto tante eccellenze del territorio pisano: Scuola Superiore Sant’Anna, il suo Istituto di BioroboticaFondazione ArpaScuola Normale SuperioreUniversità di PisaCNRIRCCS Stella MarisEndocasCentro di Ricerca Enrico Piaggio, tutte unite per valorizzare il ruolo della robotica nella ricerca e nello sviluppo di nuove idee imprenditoriali.

Tanti eventi in programma, disseminati lungo la città, con un unico denominatore: affermare la robotica come disciplina del futuro. Negli ultimi anni infatti la robotica ha allargato i propri confini, è uscita dai laboratori di ricerca per “contaminare” tanti settori. È proprio questo ciò che il festival mostrerà, promuovendo tutte le applicazioni in cui la robotica è coinvolta, dall’area socio sanitaria (chirurgia, riabilitazione, domotica), fino ad arrivare all’area artistica. Saranno organizzati convegni e dibattiti, sia di taglio più scientifico che divulgativo, una rassegna cinematografica, laboratori di robotica educativa per bambini e adulti, mostre e dimostrazioni di robotica applicata.
L’evento clou sarà poi il concerto di Andrea Bocelli al Teatro Verdi di Pisa, con il soprano Maria Luigia Borsi.  

Il coordinamento scientifico della mostra sarà affidato a Paolo Dario, direttore dell’Istituto di Biorobotica, e a Franco Mosca, presidente della Fondazione Arpa.
«Dobbiamo renderci conto – commenta Paolo Dario - che Pisa è una delle realtà dove la robotica non solo è nata ma è ormai assurta a ruolo di leader mondiale. Abbiamo i migliori ricercatori del settore e siamo riusciti a realizzare progetti unici per funzionalità, qualità ed efficienza. I nostri giovani adesso dovranno imparare a fare gli imprenditori di loro stessi anche se il gap con i giovani Usa, è assai difficile da colmare. Abbiamo a disposizione tutto quanto ci necessita, anche le semplificazioni e facilitazioni burocratiche per l’istituzione di nuove società composte da giovani, Noi, e per noi intendo l’Europa, siamo ancora troppo lenti nel realizzare le nostre idee che poi altri realizzano. Quindi, parola d’ordine: velocizzare il percorso produttivo. In poche parole - conclude Dario – dobbiamo mantenere cervello e cuore europei con gambe statunitensi».

“Quando Paolo Dario mi prospettò l’idea di realizzare una serie di eventi per valorizzare un patrimonio di così larga portata, quale la robotica – continua Franco Mosca - non ci pensai più di tanto. La scintilla era scoccata e in poco tempo siamo riusciti ad approntare un qualcosa di unico di cui non solo la comunità scientifica mondiale dovrà, d’ora in avanti, tenere conto».

L’iniziativa si avvarrà inoltre della co-promozione dall’Andrea Bocelli Foundation, della collaborazione della Fondazione Italia Giappone e del sostegno di istituzioni regionali e locali. Media partner della manifestazione sarà il Gruppo Editoriale L’Espresso, attraverso Finegil.