BANDO GIOVANI@RICERCASCIENTIFICA: LA SCUOLA SUPERIORE SANT’ANNA PREMIATA GRAZIE AI PROGETTI DEI SUOI GIOVANI RICERCATORI

Il binomio Giovani@RicercaScientifica, bando promosso dalla  Fondazione Cassa di Risparmio di Pescia e di Pistoia, e Scuola Superiore Sant’Annasi conferma fortunato. Dopo il premio ottenuto un anno fa da Alice Trivellini (edizione 2016) per lo studio sulla coltivazione di specie di Hylocerius spp (Pitaya o “Frutto del Drago”), l’edizione 2017 del bando ha visto il successo di altri due progetti di ricerca targati Scuola Sant’Anna: quello di Simone Marini, assegnista di ricerca dell’Istituto di Scienze della Vita, e quello di Francesco Amato, assegnista dell’Istituto TeCIP.

Il bando, che prevede sei settori di intervento (ambiente; rigenerazione fisica, sociale ed economica del patrimonio insediativo per la conservazione attiva dei nuclei storici; agro-alimentare; scienze della vita; tecnologie dell’informazione; trasporti), mira a valorizzare i progetti di durata non superiore ai due anni in grado di produrre effetti positivi sul territorio della provincia di Pistoia. Nella cerimonia di presentazione, che si è svolta giovedì 29 marzo a Pistoia nella sede della Fondazione, sono stati presentati i progetti premiati nelle due edizioni del bando. La prima parte della cerimonia è stata dedicata ai progetti vincenti un anno fa e attualmente in fase di sviluppo, come quello di Alice Trivellini, intitolato “Pitaya, una produzione agroalimentare alternativa per le aziende agricole del territorio pistoiese”. Lo studio introduce un nuovo tipo di prodotto, la Pitaya o “Frutto del Drago”, originario dell’America tropicale ma adattabile alle nostre condizioni climatiche, che combina caratteristiche nutrizionali e funzionali, con un approccio di filiera, dalla propagazione alla coltivazione di specie.

Nella seconda parte è toccato ai progetti che hanno vinto l’ultima edizione e, tra questi, i due della Scuola Superiore Sant’Anna: “Management effect on pollinator community in the semi-natural habitats of the Pistoia valey” di Simone Marini, coordinato da Anna Camilla Moonen ,ricercatrice dell’Istituto di Scienze della Vita, e incentrato sull’analisi delle comunità di insetti impollinatori nell’ottica di una valorizzazione delle aree agricole e degli ambienti naturali del pistoiese, e The BeeTag: an IoT Backscattering and Battery-free Sensor for Precision Agriculture Applications”  di Francesco Amato.