NUOVE SINERGIE PER LA RICERCA DEL FUTURO: A PONTEDERA IL PRIMO WORKSHOP INTERNO ISTITUTO DI BIOROBOTICA DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT'ANNA - ISTITUTO ITALIANO DI TECNOLOGIA

Istituto di BioRobotica e Istituto Italiano di Tecnologia non dividono solo il Polo Sant’Anna Valdera, a Pontedera. In ballo, tra i due centri di ricerca d’eccellenza, ci sono progetti congiunti, percorsi di alta formazione e uno scambio continuo di idee che alimenta nuove prospettive di collaborazione. Si discute proprio di questo nella prima edizione del workshop interno IIT-SSSA, in programma a Pontedera il 12 e il 13 aprile, e che viene aperto dagli interventi di Christian Cipriani, direttore dell’Istituto di BioRobotica, Barbara Mazzolai, direttore del Centro di Micro-Biorobotica di IIT, e Pierdomenico Perata, Rettore della Scuola Superiore Sant’Anna. Due giorni di presentazioni, sessioni orali, talk interattivi nei quali le attività di ricerca dei due centri si confrontano su temi e discipline come la bionica, la soft-robotics, la robotica riabilitativa, la micro e nano chirurgia, per trovare nuove strade per affrontare le sfide del futuro.

“Il workshop serve proprio a questo – commenta Christian Cipriani – ad aprire nuove frontiere di ricerca e a dimostrare l’importanza di due esperienze diverse ma complementari come la nostra, legata al mondo universitario, e quella di IIT che, con i suoi numerosi centri di ricerca sul territorio nazionale, è uno degli attori principali dello sviluppo scientifico e tecnologico.”

E non è un caso che la sinergia tra l’Istituto di BioRobotica e IIT si sia rafforzata molto negli ultimi anni, come dimostra per esempio il recente studio sugli elettrodi tatuabili sul corpo. Il workshop intende evidenziare i settori d’interesse strategico dove i due centri possono sviluppare i loro progetti, incoraggiando l’innovazione e, in particolar modo, la formazione avanzata.

“Uno dei compiti principali dell’Istituto Italiano di Tecnologia – sottolinea Barbara Mazzolai – è promuovere e rafforzare la ricerca scientifica. E il primo impulso parte proprio dalla formazione universitaria e post-universitaria. Per questo motivo il Centro di Micro-Biorobotica di IIT finanzia molte borse di studio all’interno del PhD in Biorobotica, organizzato dall’Istituto di BioRobotica: solo valorizzando il merito e il talento, saremo in grado di farci trovare preparati di fronte ai cambiamenti sociali che ci attendono”.