Quale futuro per la salute della popolazione? Giovedì 3 e venerdì 4 ottobre alla Scuola Sant’Anna la XXIV conferenza annuale dell'Associazione Italiana di Economia Sanitaria (AIES)

I servizi sanitari, dopo l'austerità: definire strategie e attuare politiche per conciliare sostenibilità della spesa e qualità dei servizi, pensando all'aumento dell'età della popolazione. Sono alcuni dei temi discussi alla XXIV conferenza annuale dell’Associazione Italiana di Economia Sanitaria (AIES) in programma giovedì 3 (inizio ore 9.00 in aula magna) e venerdì 4 ottobre alla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. “Quali strategie e politiche attuare dopo il periodo di austerità per la salute della popolazione?”, proprio come il titolo della conferenza, è la domanda per avviare la riflessione di docenti e ricercatori che si ritrovano a Pisa. Quasi 90 le presentazioni orali per affrontare temi che vanno dalle sfide legate all’invecchiamento della popolazione alle indagini dei determinanti della salute alla necessità - ormai ineludibile -  di combinare sostenibilitàqualità ed efficienza dei servizi sanitari.

"Siamo lieti di ospitare il convegno AIES - dichiara Milena Vainieri, docente responsabile del Laboratorio Management e Sanità (MeS) dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna e componente del comitato scientifico -  perché è un'occasione per conoscere i risultati delle più recenti ricerche di docenti e studiosi provenienti da tutta Italia. Ci confronteremo sui successi e sugli insuccessi delle strategie e delle politiche applicate negli ultimi anni dai sistemi sanitari, per garantire servizi sanitari di qualità in modo sostenibile".  

"La conferenza si articola in un ricco programma di interventi, che vede anche la partecipazione di esperti internazionali per discutere non soltanto le soluzioni o le raccomandazioni da suggerire a policy maker e manager che operano nei sistemi sanitari, ma anche - conclude Milena Vainieri - per delineare le sfide che noi ricercatori ci impegniamo ad affrontare nei prossimi anni”.

Qui sono disponibili approfondimenti sulla conferenza e il programma dettagliato