RICONOSCIMENTI, A UN PROGETTO IDEATO DA DUE RICERCATRICI DELL’ISTITUTO DI BIOROBOTICA DELLA SCUOLA SANT’ANNA IL PRIMO PREMIO A “IDEA BATTLE”, LA BATTAGLIA DI IDEE INNOVATIVE ORGANIZZATA DA CESENALAB

Dei 74 progetti che hanno partecipato al concorso “Idea Battle”, la battaglia di idee innovative organizzata da CesenaLab, il primo premio è andato a un progetto ideato da due ricercatrici dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna. EDOMETRO, il guanto sensorizzato capace di assistere i medici durante la fase attiva del travaglio, sviluppato da Selene Tognarelli e Margherita Brancadoro, ha sbaragliato la concorrenza, aggiudicandosi il prestigioso riconoscimento in una competizione che mette di fronte le idee del futuro, in grado di combinare innovazione tecnologica e prospettiva imprenditoriale.
EDOMETRO ha l’obiettivo di monitorare in sicurezza il parto, supportando il lavoro del medico con un dispositivo in grado di misurare in maniera corretta diversi parametri, tra cui la dilatazione della cervice uterina, la temperatura interna della madre, l’orientazione e la posizione del feto. Se attualmente le misurazioni vengono effettuate manualmente dai medici e dalle ostetriche e sono soggette a margini di errore, EDOMETRO propone misurazioni basate su parametri efficaci e attendibili attraverso un sistema non invasivo che migliora la qualità del parto e tutela la salute della donna.

“EDOMETRO – spiega Margherita Brancadoro – non vuole sostituire le capacità e l’esperienza del medico ma è uno strumento di supporto composto da un guanto sensorizzato indossato dal medico stesso e da un braccialetto che servirà a leggere, in tempo reale, le misurazioni”.

Il dispositivo è stato sviluppato all’interno dell’area di ricerca coordinata da Arianna Menciassi e, oltre a Selene Tognarelli e Margherita Brancadoro, ha coinvolto anche contributo di Luigi Truppa, allievo perfezionando dell’Istituto di BioRobotica che grazie a questa collaborazione ha vinto il premio GNB 2018. EDOMETRO peraltro non è nuovo a questo tipo di riconoscimenti. Meno di due anni fa infatti ottenne il primo premio alla sesta edizione del concorso “EuroInterim - Donna e Lavoro Start-Up”. Adesso il riconoscimento a CesenaLab, l’incubatore e acceleratore di imprese nei settori digital, web e new media nato nel 2013 grazie alla sinergia fra il Comune di Cesena e l'Università di Bologna - Campus di Cesena. Al momento EDOMETRO è stato brevettato ma non è ancora presente sul mercato biomedicale.

“Il nostro sogno – racconta Brancadoro – è che EDOMETRO diventi un dispositivo utilizzato in ogni sala parto. Abbiamo diverse idee a proposito, una di queste è creare una spin-off legata alla Scuola Superiore Sant’Anna: questa soluzione ci permetterebbe di avvicinarsi a un ambiente più industriale ma legato comunque alla ricerca scientifica. Non è facile però perché servirebbe un forte sostegno economico e proprio per questo motivo stiamo valutando altre possibilità, come ad esempio quella di proporre la nostra idea a start-up biomedicali già attive sul mercato”.