CENTRO FEDERATO CON SCUOLA NORMALE E IUSS PER GLI STUDI SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO E LO SVILUPPO SOSTENIBILE: MERCOLEDI’ 20 E GIOVEDI’ 21 MARZO A PAVIA IL TERZO WORKSHOP PER PIANIFICARE LE ATTIVITA’

La concentrazione dei gas serra continua a crescere, le temperature salgono, le calotte glaciali si sciolgono e sale il livello delle acque. Affrontare i cambiamenti climatici e pensare al futuro del pianeta è un dovere di tutti, comprenderne le dinamiche per progettare azioni sostenibili è la missione di 3CSA. Con queste premesse, frutto degli studi più recenti sul clima, il “Center for Climate Change studies and Sustainable Actions”, 3CSA, si riunisce alla Scuola IUSS di Pavia da mercoledì 20 a giovedì 21 marzo 2019, per un workshop organizzato dalla Federazione composta da Scuola Superiore Sant’AnnaScuola Normale SuperioreScuola IUSS Pavia. 3CSA vuole essere il contributo delle Scuole Superiori Federate allo studio e alla ricerca di soluzioni ai problemi legati ai cambiamenti climatici ed è diretto da Roberto Buizza, docente di fisica all’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna.

Il workshop è il terzo appuntamento che gli studiosi delle tre Scuole universitarie superiori si danno nell’arco di un anno per definire il programma di ricerca di 3CSA e le sue prime azioni, da quando cioè, a luglio 2018, il Centro inter-universitario ha aperto i lavori prima alla Scuola Superiore Sant’Anna, poi alla Scuola Normale Superiore e adesso alla Scuola IUSS a Pavia, per fare il punto sugli obiettivi-cardine. Principalmente due: sul fronte della ricerca e dell’innovazione, sviluppare e applicare nuovi approcci inter-disciplinari nella gestione dei rischi, con un focus sul sistema Terra e sulla sostenibilità; sul fronte dell’educazione e della formazione, definire corsi inter-disciplinari che preparino le classi dirigenti a gestire sistemi complessi, e a prendere decisioni anche in presenza di poche, incerte informazioni.

Fondato sulla complementarietà delle attività delle tre Scuole Universitarie Superiori, 3CSA intende infatti sviluppare nuovi approcci che ci aiutino a capire innanzi tutto come sta cambiando il clima, e a identificare quindi azioni sostenibili tese a mitigare l’impatto e ad adattarsi. L’ambizione è insomma quella di costruire un programma di ricerca d’eccellenza e, parallelamente, sviluppare percorsi formativi inter-disciplinari che preparino i futuri leader.

Entrando nel vivo del programma in agenda alla Scuola IUSS a marzo, la prima parte dei lavori, mercoledì 20, aperta agli studenti e ai docenti delle tre Scuole universitarie Superiori, è dedicata a una introduzione di carattere generale, con i saluti del rettore della Scuola IUSS, Michele Di Francesco, e la relazione d’inquadramento di Roberto Buizza, docente di Fisica all’Istituto di Scienze della Vita alla Scuola Superiore Sant’Anna e primo docente del centro federato sul clima. Seguono gli interventi dei colleghi docenti delle tre Scuole Universitarie Superiori riunite in Federazione, che si ritrovano nella mattinata di giovedì 21 marzo per le conclusioni e per la pianificazione delle attività scientifiche e didattiche.