LE PROSPETTIVE PER L'UNIONE EUROPEA DOPO LA BREXIT, LA “SOCIETA’ DEI DATI”, L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE E LA PRIVACY: APERTE LE ISCRIZIONI ALLE PROSSIME DUE SEASONAL SCHOOL, I CORSI INTENSIVI DELLA SCUOLA SANT'ANNA CON BORSE DI STUDIO E AGEVOLAZIONI

La riflessione sullo stato dell’Unione Europea all’indomani della Brexit; le regole e l’impianto normativo per conciliare il rispetto della privacy, l’utilizzo dei “big data” e garantire lo sviluppo della “società dei dati”. Sono questi i temi principali delle prossime  Seasonal School (le cui iscrizioni si chiudono tra febbraio e marzo 2021) inserite nel catalogo dei corsi intensivi che si sviluppano fino a settembre 2021, promossi dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa su temi di ricerca interdisciplinari che vedono l’ateneo tra i leader internazionali. Questi corsi si rivolgono a studentesse e studenti di talento italiani e stranieri. Anche i prossimi due corsi intensivi offrono agevolazioni per le studentesse e per gli studenti, come le riduzioni legate all’ISEE, gli sconti e la priorità nell’iscrizione garantite a chi proviene dalle università e dalle fondazioni convenzionate con la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. Sono confermate le borse di studio (42 in totale) offerte dalla Fondazione EY e dalla Fondazione “Il Talento all’Opera”.

The responsible data society: rules and methods for AI and data analytics, beyond privacy” è la Seasonal School le cui iscrizioni sono aperte fino al 1 marzo 2021, con lezioni tra il 15 e il 20 marzo 2021. L'economia digitale sfrutta le potenzialità dei “big data”, l'intelligenza artificiale e la grande capacità di calcolo, garantita dai sistemi attuali. Ma l’economia digitale si serve anche delle loro interconnessioni, consentendo alla “tecnologia dell'informazione” di essere il punto di incontro per la maggior parte delle nostre attività quotidiane. Tali innovazioni tecnologiche devono essere inquadrate nel quadro legale ed etico esistente, per trovare il giusto equilibrio tra la protezione dei diritti e delle libertà fondamentali e la necessità di preservare la flessibilità normativa, necessaria affinché tutti gli attori del mercato possano essere rafforzati. Il quadro giuridico ed etico della “data society” sia sempre più centrale nel dibattito internazionale e per i lavori futuri, finora sono state poche le opportunità per i futuri giuristi, tecnologi e “scienziati sociali” per acquisire le competenze necessarie a governare l'interazione tra innovazione tecnologica nella “scienza dei dati” e il quadro normativo e di tutela dei diritti fondamentali. La Seasonal School vuole dunque integrare l’offerta formative su questi temi.

EU crises and post-Brexit integration” è la Seasonal School le cui iscrizioni sono aperte fino al 12 marzo 2021, con lezioni tra il 12 e il 17 aprile 2021. L’obiettivo è fornire una valutazione critica, con un approccio multidisciplinare, dello stato attuale dell'Unione Europea all’indomani della Brexit. L’uscita del Regno Unito è il primo caso del genere che può presentare scenari inediti e interessanti anche sotto l’aspetto didattico. È possibile immaginare un “effetto domino” innescato dalla Brexit su altri Stati che compongono l’Unione Europea, rafforzando l’ondata di quello che gli studiosi definiscono il “populismo autoritario”? O piuttosto è possibile immaginare uno scenario opposto, con il consolidamento di una nuova idea di unità europea? “La poliedrica crisi dell'Europa unita, confermata e amplificata dall’emergenza sanitaria in corso per la pandemia da Covid-19, è il motivo per riflettere sul processo di integrazione e sulle principali questioni politiche che esso comporta”, come sottolineano i docenti che promuovono questo “corso intensivo”. Durante la Seasonal School, le studentesse e gli studenti sono chiamati ad analizzare in modo critico gli sviluppi della prospettiva europea, all’indomani della Brexit e di altre crisi recenti, con implicazioni a vari livelli e che vanno oltre il singolo Stato, per arrivare a una conoscenza avanzata della politica europea e, soprattutto, per acquisire competenze spendibili per lavorare nelle istituzioni europee, nei “think tank” e anche per avviarsi verso una carriera accademica.

Possono presentare domanda di partecipazione a due Seasonal School, come a tutte le altre, le studentesse e gli studenti universitari, di nazionalità italiana o straniera, che presentino le stesse caratteristiche di profitto richieste alle allieve e agli allievi della Scuola Superiore Sant’Anna: essere in pari con gli esami e avere conseguito una media di 27 su 30 per il sistema italiano. Le Seasonal School, erogate – proprio come queste - in larghissima parte in lingua inglese (della quale è richiesta la conoscenza almeno di livello B2) sono occasioni per vivere, stando “dentro” le strutture e i laboratori della Scuola Superiore Sant’Anna, l’esperienza della ricerca e della didattica d’avanguardia. A oggi, le università e le fondazioni consorziate sono: Università di CataniaUniversità della CalabriaUniversità della TusciaUniversità di TrentoFondazione OnaosiUniversità di MessinaUniversità di MacerataUniversità di CamerinoConferenza dei Collegi Universitari di Merito; Università di PalermoUniversità della Valle D'Aosta.

Da sottolineare come Fondazione EY e Fondazione “Il Talento all’Opera” assegnino 42 borse di studio da 450 euro ciascuna (ovvero tre per ogni “Seasonal School) a tre fra le studentesse e gli studenti che avranno conseguito i risultati migliori, a seguito della verifica finale e dopo rigorose modalità di valutazione. I nominativi dei tre vincitori delle borse di studio assegnate dalla Fondazione EY e dalla Fondazione “Il Talento all’Opera” sono comunicati al termine di ciascuna delle Seasonal School previste.

Il catalogo delle Seasonal School è disponibile qui.